Don Andrea Swiecinski: «Gesù danza sul ghiaccio del nostro cuore»

Don-Andrea-GT.jpg

Viviamo in un tempo in cui più che un cambiamento epocale è avvenuto proprio un cambiamento d’epoca e per questa nuova epoca abbiamo bisogno di una vera luce.
Per noi cristiani la vera luce è la fede. La fede che non è rappresentata da una religione costituita da un insieme di dogmi e dottrine, ma dalla testimonianza dell’incontro personale con Cristo risorto.
Oggi non si sviluppa più cultura cristiana perché i cristiani hanno separato fede e vita quotidiana e per pigrizia, per vergogna la fede è stata chiusa nelle chiese e nelle case dei cristiani.
Con questo spettacolo, Fede On Ice, vogliamo presentare anche fuori da tali ambiti la nostra testimonianza di fede. Una fede che è gioia, bellezza, equilibrio, amore su una pista di ghiaccio.
Il ghiaccio, che potrebbe rappresentare il cuore dell’uomo di oggi, duro e freddo, non è un problema per Gesù. Lui è talmente ricco di misericordia che sa fare una bella danza sul ghiaccio del nostro cuore per ammorbidirlo e trasformarlo in un luogo di incontro con Lui.
Dostoevskij diceva che la bellezza salverà il mondo. Gesù usando le sue creature, le sue bellezze, indosserà i pattini e scenderà sul ghiaccio per fare una danza e quando Dio danza la terra è visitata dalla gioia che guarisce l’uomo malato di solitudine e tristezza. Le gioie di questo mondo sono effimere, gioie di vetro le chiamava lo scrittore tedesco Goethe, quelle di Dio sono eterne.
L’uomo può essere una goccia nell’oceano oppure una scintilla che accende il mondo. Una fredda goccia che si perde nel mare o una rovente scintilla che è capace di far sprigionare un fuoco.
La serata al PalaSesto di Sesto San Giovanni (Milano) sia questa scintilla che accenderà tutti i cuori che seguiranno lo spettacolo.
Il ricavato di questo evento sarà devoluto al Centro Ascolto Gloriosa Trinità, fondato da alcune sorelle del Movimento,  Federica, Cinzia, Giovanna e Maria, per aiutare le persone che hanno perso il senso della vita nel mondo d’oggi.

Questo centro si occupa del recupero fisico e spirituale dell’uomo, di tirarlo fuori dal caos, dal disordine per farlo entrare nel cosmo, nella cosmetica, nella bellezza.

Il Centro Ascolto non vuole solo fare qualcosa per qualcuno ma vuole fare qualcosa con qualcuno.